Chi siamo

La nostra storia

La Paggio Toys nasce dalla caparbietà e dall’intuizione di Ciro Esposito, che inizia a lavorare a soli 7 anni in uno dei negozi di giocattoli più conosciuti a Napoli: “La vetrina Corsale”. Sin da subito prende in gestione uno dei punti vendita grazie alla sua forte passione ed al suo senso di responsabilità.

La sua strada era già segnata e il suo futuro, nel mondo dei giocattoli, si presentava ricco di aspettative.
Negli anni ‘70 diventa il primo venditore ambulante di giocattoli a Piazza Mercato.

Successivamente decide di aprire il suo primo negozio a Vico Spicoli. In 50㎡ di spazio riesce a fatturare ben 2 miliardi delle vecchie lire. Le ottime prospettive gli permettono di aprire un secondo grande negozio a Vico Barre nel 1983.

E da questo momento che Inizia l’ascesa di “Paggio Toys”, acronimo di “Partenopeo giochi e giocattoli”, con l’attività di vendita all’ingrosso di giocattoli inizialmente a Napoli a via Reggia di Portici e successivamente al Cis di Nola.

Giocattoli linea Paggio è stato il primo marchio ad essere pubblicizzato in TV dapprima a livello regionale e successivamente a livello nazionale.
Ciro Esposito non si ferma unicamente alla commercializzazione di giocattoli. Egli stesso decide di produrre alcuni dei giocattoli che hanno fatto la storia:

  • Pupetta, la valigetta del make-up
  • Percival il genio Robot radiocomandato, antenato di Emiglio Robot
  • Nonno Ciccio
  • Play in Family sette giochi in uno, una scrivania multifunzionecontenente sette giochi da tavolo
  • Maggio.lì la macchina per bambini telecomandate a distanza
  • Il Trisciò e il triciclo Trijoly
  • Pagiolotto
  • Bebè etienne
  • Crazy gun
  • Bambola birichina
  • La carambola
  • Bambola cheriè, testa parlante con trucco
  • Frida e fred

Il successo fu tale che, alcuni dei più grandi brands di giocattoli italiani, hanno seguito le sue orme ed i suoi consigli. Con lo sviluppo dei Centri Commerciali, la famiglia Esposito lascia il settore della vendita all’ingrosso di giocattoli per dedicarsi al dettaglio. Sorgono così quattro megastrutture in Campania con la denominazione “Paggio Toys”.

X